18 marzo, ore 18,57

sono l’altra che da se stessa evade … 
natalità di grafite e pennellate di notte, oscure, come asfalto di polvere 
nel buio che non dorme e assolve i limiti della sua materia
sentieri di cemento
acre solitudine di acciaio
incipit di un bacio mai finito
io
18 marzo
ore 18 e 57

2 pensieri riguardo “18 marzo, ore 18,57

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.