Molto tardi

Molto tardi ti accorgi
che arriva l’ora nuova
e come sentinelle
in percorsi macchiati di notte
sulla soglia di abissi di pianto
ri-emergiamo
ri-evochiamo
liturgico sabba sentimentale
e chiamo echi di detti
dettati in bianco e nero
come pensieri intorpiditi
lasciati ripiegati
in scaffali di ruggine
che affannano appetiti
di solitari tarli.
© Paola Camiciottoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.