Albero

Albero

 

Tu che sei nato da un ignoto e infantile chicco indifeso

sei mutato in un intonato possente ceppo.

Con cuore d’oro hai accolto ognuno con umiltà erculea.

Vestito di confuse foglie diurnamente nuove

hai arricchito la mia fantasia.

Oggi, secolare, contorto e variamente striato,

mantenuto con fedeltà e onore dai perpetui alberi

a te indispensabilmente amici.

 

(Questo mi hanno donato due mie alunne di 10 anni. Per loro la mia pubblicazione.)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.